Le intolleranze alimentari


condividi su

Cause, sintomi e strategie per combattere le intolleranze alimentari. I consigli della nostra Naturopata.


Le intolleranze alimentari L'incidenza delle intolleranze alimentari e il numero di persone che soffrono di disturbi causati o aggravati da questo problema sono aumentati in maniera rilevante negli ultimi venticinque anni.

Le spiegazioni di un simile aumento sono molteplici: cattiva digestione, allattamento al seno piu' breve, svezzamento troppo precoce e successiva introduzione di alimenti solidi prima che l'apparato digerente del bambino sia completamente maturo, diffusione di cibi geneticamente modificati, tendenza a seguire una alimentazione meno varia...

Si parla di intolleranza  quando si ha una reazione anomala dell'organismo verso un determinato alimento.  Non si tratta pero' di un'allergia vera e propria (quest'ultima misurabile con gli anticorpi IgE fatti dosare da un medico), ma di un'ipersensibilita' a uno o piu' cibi.

Negli ultimi anni una delle intolleranze piu diffuse e' sicuramente quella al lattosio e al glutine. Spesso le persone scoprono di avere qualche tipo di intolleranza alimentare partendo da problemi che, all'apparenza, sembrano non essere assolutamente legati a un terreno di tipo "allergico": stipsi alternata a diarrea, colite, colon irritabile, pruriti, problemi legati alla pelle, ma anche cefalee, sonnolenza, abbassamento delle difese immunitarie, cistiti ricorrenti, vaginiti...
In determinate persone anche la difficolta' a perdere peso puo' essere legata a una o piu' intolleranze alimentari.

Mentre infatti molto spesso l'allergia provoca una reazione immediata, come ad esempio l'orticaria, o una crisi di asma, l'intolleranza si manifesta con reazioni "mascherate" o "ritardate", anche dopo anni durante i quali si e' fatto uso di un determinato alimento che fino a quel momento sembrava non aver provocato alcun tipo di danno.

Il corpo infatti, che e 'saggio, mette in atto una serie di meccanismi compensatori per cui riesce a tollerare una determinata sostanza fino a quando, superato un certo limite (che viene definito livello di soglia), si arriva alla manifestazione del disturbo. Spesso i malesseri, all'inizio, passano quasi inosservati poiche' hanno una manifestazione molto sfumata. 

Come fanno sintomi cosi diversi ad essere fatti risalire  una causa comune come l'intolleranza? Di mezzo c'e' sempre l'infiammazione, che altro non e' che  un meccanismo di difesa innato del nostro organismo e che rappresenta una risposta protettiva a seguito dell'azione dannosa di agenti fisici, chimici e biologici.

La prima strategia da mettere in atto e' quindi quella di spegnere l'infiammazione. Possiamo e dobbiamo agire su più fronti:

1) Diversificare l' alimentazione prediligendo cibi freschi, cerali integrali in chicco, grani più originali come kamut e farro, aumentando il consumo di legumi, frutta e verdura soprattutto cruda. Mangiare ogni giorno cibi diversi non solo fa diventare il momento del pranzo un'occasione meno monotona, ma rappresenta anche un fattore di salute. Pensate che servono circa 40 vitamine e minerali diversi per stare bene e non esiste un singolo alimento in grado di fornirli tutti insieme! Allo stesso tempo,così facendo, promuoviamo la consapevolezza nei nostri figli di un'alimentazione non basata esclusivamente su pasta, carne e patatine.

2) In caso di sospetto di intolleranza individuare i cibi a cui siamo piu' sensibili. Nella maggioranza dei casi ritroviamo intolleranze a lieviti, grano e latticini.  Personalmente uso il test kinesiologico con fiale alimentari. Ci sono molti altri metodi: il vega test, il test Dria... Generalmente consiglio sempre un mese completo di astensione da latticini e grano, in modo tale da notare fin dopo la prima settimana se i disturbi correlati a un presunto alimento si siano attenuati, per passare poi a una alimentazione a rotazione dopo aver escluso con il test kinesiologico altri possibili alimenti. Personalmente sono contraria a quei test delle intolleranze dove si esce con un foglio in cui compaiono tantissimi alimenti "NO", sia perchè non ha senso escludere cibi che potrebbero avere un'influenza minima sui malesseri (es il prezzemolo), sia perché la persona risulta sempre un po' scoraggiata e non sa più cosa cucinare. Meglio togliere dapprima i macrogruppi che sono stati individuati come i maggiori responsabili delle intolleranze.

3) Privilegiare un' alimentazione a rotazione, alternando, durante la settimana, pasti  con astensione totale dal consumo dei cibi "incriminati" a pasti piu' flessibili, con assunzione piu' controllata dei suddetti alimenti. L'esclusione totale dei cibi "no" puo' risultare addirittura controproducente poiché c'e' il rischio che il corpo perda la ",memoria" di quel cibo e quindi una successiva incapacita' totale di reintroduzione.

4) Disintossicare il fegato.  Le intolleranze alimentari affaticano il processo digestivo ostacolando quindi l'eliminazione delle tossine da parte del fegato.

5)Verificare che la flora batterica intestinale non sia alterata. I batteri (disbiosi) alimentano l'infiammazione e quindi possono accentuare l'ipersensibilita' agli alimenti. Inoltre una eccessiva permeabilita' intestinale permette a una maggiore quantita' di tossine di passare dall'intestino al fegato, affaticando il compito di questo grande "depuratore".

Raffaella De Dea - Naturopata

http://www.raffaelladedea.it

vai alla sua pagina Facebook








I contenuti di questo sito hanno solo carattere di discussione e non dovrebbero essere usati come base per decisioni di carattere personale, da prendere sempre e comunque a contatto diretto con lo specialista. RomaWellness non sara' responsabile per danni di qualsiasi tipo derivanti dall'uso delle informazioni fornite in questo sito.

L'Antico Egitto: pioniere della cucina moderna


Si fa sempre più strada la necessità di ritornare ad un'alimentazione più ricca di fibre, alimenti integrali, lievito madre, semi oleosi, ecc. Nell'Antico Egitto tutto questo non era una novità, ma la base della cucina.

Zenzero. Rimedio contro molti disturbi


favorisce il processo digestivo, contribuisce alla riduzione dei gas intestinali, favorisce la digestione, riequilibra la flora intestinale e tanto altro.
Newsletter
iscriviti alla nostra newsletter

Rubriche

Dieta a Capodanno? Ecco 10 pietanze da evitare

Per chi è nel bel mezzo di una dieta o soffre di colesterolo alto e trigliceridi, le festività rappresentano un problema, perchè le tentazioni sono davvero tante.

Il Cibo spazzatura

Patatine, snack, hamburger e hot dog, soft drink e molti altri cibi che non appartengono alla Dieta Mediterranea

Sport e Spuntino: cosa posso portare in palestra?

Anche se i ritmi di vita sono sempre incessanti dobbiamo imparare a non saltare i pasti e a scegliere cibi salutari.

Dieta Mediterranea - Alleata della nostra Salute

Si parla sempre più di modelli alimentari vegetariani o vegani, ma non si conosce la cultura e il modello proposto dalla Dieta Mediterranea.

Ricetta del panettone fatto in casa

E dopo la cena? Un buon panettone! Si, ma che sia buono!

I legumi prezioso ingrediente per inventare nuove pietanze

Si fa un gran parlare della carne rossa come unica e sola fonte di proteine, ma anche i legumi ne sono una sorgente, soprattutto se uniti ai carboidrati.

L'Antico Egitto: pioniere della cucina moderna

Si fa sempre più strada la necessità di ritornare ad un'alimentazione più ricca di fibre, alimenti integrali, lievito madre, semi oleosi, ecc. Nell'Antico Egitto tutto questo non era una novità, ma la base della cucina.

I cibi che aiutano la vista

I nostri occhi ricavano beneficio da una corretta alimentazione

La tendenza dell'estate è la gonna lunga, ma a noi piace la mini-gonna!

Tutti i marchi più o meno fashion, propongono per l'estate la gonna lunga... ma la minigonna rimane un capo storico intramontabile.

Ecco cosa indossare durante una cerimonia. E' vietato sbagliare abito.

E' tempo di cerimonie e come sempre ci troviamo davanti al grosso dilemma sulla scelta dell'abito giusto. Ecco alcuni consigli per non sbagliare.

Lo stile Boho-Chic: dagli anni '60 fino ad oggi

Lo stile dei figli dei fiori è arrivato fino a noi e lo stiamo riscoprendo in una versione più glamour delle sue origini.

Camicia di jeans ovvero a volte ritornano...

Un capo tornato alla ribalta quest'anno ma che ha una storia molto lunga alle spalle.

Metti una sana cena a sera

Un pasto serale leggero e gustoso aiuta a favorire un buon riposo

La Primavera in tasca

La stagione della rinascita porta con se cibi e pietanze deliziose, ma anche piccoli disturbi da combattere con la prevenzione, dall'alimentazione allo sport

Alimentazione emotiva

Dovremmo imparare a leggere i sintomi nascosti nel nostro comportamento che segnalano quanto la psiche detti la nostra alimentazione.

Le feste sono finite e inizia il mese delle promesse: cosa ci impedisce di rispettarle?

Il mese di Gennaio, così come Settembre, potrebbero essere chiamati: "i mesi delle promesse". Tutti rincorrono a "diete fai da te", sulla scia dell'ultima moda, promettono di iscriversi in palestra, perdere qualche chilo e rientrare in quella

res20

segui romawellness su facebook